MedSeaLitter: le tartarughe Caretta caretta tra le specie più a rischio del Mediterraneo.

Erano già stati anticipati durante il beach clean up organizzato da Ambiente Mare Italia in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, i dati di ‘MedSeaLitter’. I dati completi sono stati presentati ufficialmente l’11 giugno. 

La fotografia scattata in oltre 20mila chilometri di Mediterraneo, percorsi in due anni, rappresenta uno scenario drammatico e conferma come l’inquinamento da plastica sia di fatto un’emergenza globale. Secondo quanto si legge dal comunicato stampa,pubblicato sul sito della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea l’80-90% dei rifiuti galleggianti sono polimeri artificiali, quindi plastica. 

Ad essere maggiormente colpite dall’inquinamento dei mari dalla plastica sono le specie marine. In particolare, il monitoraggio effettuato ha rivelato la presenza di oggetti e frammenti plastici nel tratto digestivo di oltre il 65% delle tartarughe Caretta caretta esaminate e nel 50% dei pesci Boga.

Lo studio è stato eseguito su oltre 130 esemplari di tartaruga marina Caretta caretta, già decedute. Tra gli oggetti identificabili trovati nel tratto digestivo delle tartarughe sono stati identificati, frammenti di etichette di birra, bastoncini di lecca-lecca, palloncini e involucri di cara- melle.

“A fronte di questi dati, la nostra battaglia per ridurre il più e il prima possibile la plastica monouso e le bottiglie di plastica continua”, dichiara il Presidente di Ambiente Mare Italia, Alessandro Botti. “L’8 giugno insieme, in occasione della Giornata Mondiale degli oceani, oltre 100 volontari sono stati con noi, a Ladispoli, per raccogliere i rifiuti sulla spiagge. Tantissimi sono stati i bambini che hanno partecipato attivamente alla nostra iniziativa. Un segnale che un mare libero dalla plastica non è solo un sogno, ma una realtà da costruire insieme”.

Invitiamo, le aziende, le piccole e medie imprese a fare il primo passo, mettendosi direttamente in contatto con noi per entrare a far parte gratuitamente della nostra mappa.

Scrivete a noplastic@ambientemareitalia.org Tel +39 063213805.

C’è un’Italia che ha capito, facciamola crescere insieme. Scopri i nostri progetti.

Share:


News Correlate

Il vademecum giocattoli plastic free. Per i genitori che amano i loro figli e anche l’ambiente.

Se siete genitori e se amate l’ambiente, vi sarete sicuramente interrogati più volte...

Consigli utili per vivere una giornata “plastic free”.

La plastica è ormai presente ovunque: respiriamo, beviamo e mangiamo plastica, con impatti...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *