Mediterraneo: un mare di plastica.

Abbiamo già affrontato il tema dell’inquinamento del Mar Mediterraneo. E anche se non ci sono buone notizie al riguardo, ritorniamo sull’argomento per sensibilizzare ancora sul tema dei rifiuti di plastica che invadono i nostri mari.

Ad approfondire questo fenomeno vi è un recente e significativo studio dal titolo “The Mediterranean: Mare plasticum”a cura del International Union for Conservation of Nature and Natural Resources (IUCN).

I dati che emergono dalla ricerca sono preoccupanti.

Si legge che “la plastica totale accumulata nel Mar Mediterraneo sia stimata nell’ordine di grandezza di 1.178.000 tonnellate, con un possibile range da 53.500 a 3.546.700 tonnellate. Lo studio stima una dispersione di plastica annuale media di 229.000 tonnellate (in un range da 150.000 a 610.000 tonnellate all’anno), costituite dal 94% di macroplastiche e dal 6% di microplastiche. Secondo il rapporto i primi tre paesi che contribuiscono alla dispersione di plastica sono l’Egitto, l’Italia e la Turchia”.

Questi dati sono frutto di un lavoro di analisi della letteratura sull’argomento degli ultimi dieci anni. 

Minna Epps, Direttore del Global Marine and Polar Programme (IUCN) commenta lo studio e dichiara “l’inquinamento da plastica causa danni a lungo termine agli ecosistemi terrestri e marini e alla biodiversità ; gli animali marini possono rimanere impigliati, o ingoiare rifiuti di plastica, e quando succede spesso finiscono per morire di stanchezza e fame”.

Secondo gli scienziati sono diversi i motivi che hanno portato il Mar Mediterraneo in questo stato: una inadeguata gestione dei rifiuti, la consistente presenza di navigazioni mercantili e fino a poco tempo fa, durante il pre COVID, la grande affluenza di turisti.

Purtroppo non ci sono ad oggi delle soluzioni immediate, ma ognuno di noi, le aziende e le istituzioni possono mettere in pratica azioni importanti per ridurre la plastica. 

Noi di Ambiente Mare Italia abbiamo scelto di fare la nostra parte. Se sei un’azienda e vuoi intraprendere un percorso eco-sostenibile puoi farlo insieme a noi. Scrivi a noplastic@ambientemareitalia.org

Share:


News Correlate

Le buone pratiche per ridurre l’uso della plastica fanno bene a tutti.

Secondo quanto si apprende dagli organi di stampa, le buone pratiche in tema...

Microplastiche, uno studio conferma la loro presenza nella catena alimentare degli uccelli.

Qualche anno fa, aveva fatto parlare di se il toccante documentario del noto...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *