Grindgrap, una tradizione divenuta brutale pratica! AMI invita i cittadini a firmare una petizione contro la caccia alle balene.

Nelle isole Faer Oer ogni anno si consuma la triste pratica del Grindgrap. Nella lingua locale il termine indica la caccia alle balene, che in passato permetteva ai villaggi dei fiordi di rifornirsi di carne e grasso di balena per affrontare gli inverni. Tuttavia con il tempo folklore e necessità hanno perso di senso, lasciando il passo a una mera e anacronistica manifestazione della crudeltà umana.

La caccia inizia con le imbarcazioni che, dirette a largo, spaventano delfini e balene spingendoli verso acque più basse. I mammiferi stressati e stanchi si spiaggiano e sulle baie avviene il massacro. Centinaia di persone armate di grandi uncini, raffi e coltelli trucidano gli animali stremati senza pietà per ore. Se non bastasse questo come segno di brutalità, si aggiunge la folle piega che il Grindgrap ha preso negli ultimi anni.

Il 13 settembre 2021 sono stati uccisi 1500 delfini sulle coste danesi. Il dato terribile riguarda il numero di persone presenti…poche centinaia! Questa situazione ha comportato che un gran numero di delfini e altri mammiferi abbiano impiegato ore per morire, attendendo agonizzanti a lungo che i loro assassini giungessero per finirli. Inoltre, un altro fatto avvilente è che la quantità di cadaveri ottenuti è stata eccessiva per le esigenze alimentari dei villaggi, così da costringere i partecipanti a buttare la carne nella spazzatura o in un buco nel terreno. Una pratica disumana che ha impressionato anche i locali presenti all’evento.

Molte Associazioni e Organizzazioni si battono per fermare questa tradizione brutale, in prima linea SeaSheperd, molto spesso però sono le stesse autorità locali a fermare i volontari che si immolano per la difesa delle creature.

Firma la nostra petizione!

Ambiente Mare Italia-AMI, ha pubblicato una petizione su Change.org, rivolgendosi all’Unione Europea e al Governo danese affinché facciano cessare quest’abominio in nome della tutela della biodiversità, del patrimonio naturale e soprattutto del senso umanità che dovrebbe essere la base dei nostri principi. Perché la difesa dell’ambiente e la tutela della biodiversità non rimangano enunciazioni di principio e false promesse.

Ambiente Mare Italia-AMI si rivolge al Governo Draghi e alla Presidente Ursula von der Leyen affinché si facciano portavoce presso il Governo danese di questa petizione.

Anche tu puoi fare la tua parte firmando la nostra petizione contro il Grindgrap. Non farci mancare il tuo sostegno, fermiamo insieme questo brutale massacro!

Share:


News Correlate

Il racconto di Amara e del suo desiderio di liberare l’oceano dalla plastica.

Che la pandemia abbia cambiato le nostre abitudini è un dato di fatto,...

Spiagge libere dalla plastica. Puglia, un esempio da seguire.

Pochi mesi fa avevamo parlato di importanti segnali sul fronte della riduzione della...