La tutela della biodiversità, il tema di punta del primo One Planet summit di Parigi.

Si è tenuto l’11 gennaio il One Planet summit, organizzato in Francia in accordo con le Nazioni Unite. Il 2021 si presenta come un anno importante per la questione ambientale e climatica.

Quattro sono i temi chiave

1) la protezione degli ecosistemi terrestri e marini. La conservazione delle aree protette si rivela, infatti, fondamentale per le specie marine e terrestri che ci vivono e gioca un ruolo determinante per la tutela della biodiversità. 

2) La promozione dell’agroecologia con l’obiettivo di proteggere i diversi ecosistemi, riducendo l’inquinamento.

3) La possibilità di investimenti privati e pubblici  per la realizzazione di progetti in tema di protezione della biodiversità

4) Il quarto ed ultimo punto è un tema di grande attualità, ovvero il legame tra deforestazione, le specie animali e la salute umana.

Tra gli obiettivi, quello di rendere area protetta il 30 per cento della superficie del nostro pianeta entro il 2030. L’azione, ribattezzata come “azione “30×30”, è stata approvata da 50 nazioni, assenti il Brasile, la Cina, la Russia, l’Indonesia e l’Australia.

Secondo il Presidente francese Emmanuel Macron “a livello internazionale nessuno degli obiettivi fissati per il decennio appena terminato può dirsi centrato, soprattutto in tema di biodiversità”. 

I paesi come la Germania, Canada, Cile, Colombia, Finlandia, Grecia, Regno Unito, Spagna, Giappone, Irlanda, Italia, Pakistan. Ma anche Emirati Arabi Uniti e Repubblica Democratica del Congo hanno dimostrato di volersi attivare concretamente per raggiungere gli obiettivi fissati. 

“Ci auguriamo che le azioni presentate durante il One Planet summit si trasformino in fatti concreti – commenta il Presidente di AMI-Ambiente Mare Italia, l’Avv. Alessandro Botti-. E conclude, noi di AMI- Ambiente Mare Italia monitoreremo che anche le nazioni più lente raggiungano i traguardi annunciati e continueremo a portare avanti le nostre battaglie, sensibilizzando e informando su questi temi tutta la nostra comunità”. 

Share:


News Correlate

Carmelo Isgrò
CARMELO ISGRO’ HA SUPERATO LA SUA SFIDA E ESULTA: “E’ STATA DURISSIMA, MA CE L’HO FATTA!”

Giovedì abbiamo intervistato Carmelò Isgrò, biologo, direttore e fondatore del MuMa-Museo del Mare...

La storia di Gabriele e della tartaruga intrappolata nella plastica

Ci ha commossi la storia del piccolo Gabriele, che la scorsa settimana ha...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *