La piccola pesca nel Mediterraneo e nelle Aree Marine Protette.

Relazione finale del progetto “Indagini e studi per la redazione di un modello di piano e gestione sulle attività della pesca costiera artigianale nell’Area Marina Protetta Capo Rizzuto”.

Lunedì 25 settembre nella suggestiva terrazza del Castello aragonese di Le Castella, Isola di Capo Rizzuto, con vista sull’incantevole Golfo di Squillace, si è tenuto l’evento di chiusura del progetto “Indagini e studi per la redazione di un modello di piano e gestione sulle attività della pesca costiera artigianale nell’Area Marina Protetta “Capo Rizzuto” nell’ambito del FEAMP 2014-2020″, realizzato grazie al MASAF.

L’evento si è aperto con i saluti istituzionali dell’Avv. Maria Grazia Vittimberga, Sindaco di Isola di Capo Rizzuto e Sergio Ferrari, Presidente della Provincia di Crotone. Per la Stazione Zoologica Anton Dohrn erano presenti: Silvio Greco, Direttore sede Calabria e Claudia Scianna, Ricercatrice. A seguire: Alessio Lanatà, Vice Presidente Consorzio Leucotea; Alessandro Botti, Presidente di Ambiente Mare Italia – AMI ETS; Raffaele Gareri, Consigliere provinciale delegato al Turismo e all’A.M.P. “Capo Rizzuto”; il rappresentante della Guardia Costiera della Calabria e Basilicata Tirrenica. Moderatrice dei lavori: Ivana Puleo, Esperta ambientale e divulgatrice Ambiente Mare Italia.

L’iniziativa, promossa dall’Area Marina Protetta “Capo Rizzuto” Ente gestore Provincia di Crotone in collaborazione con Ambiente Mare Italia – AMI ETS e con il patrocinio del Comune di Isola di Capo Rizzuto, è stata l’occasione per presentare le linee guida elaborate dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn per la pesca costiera nell’ambito dell’AMP “Capo Rizzuto” e per parlare dell’importanza della piccola pesca nel Mar Mediterraneo e nelle Aree Marine Protette. Un tema molto caldo di cui si è tanto parlato nel 2022, in occasione dell’anno internazionale della “Pesca artigianale e dell’Acquacolura”.

Praticata con le piccole barche al di sotto dei 12 metri e con attrezzi diversi dalle reti a strascico invasive, la piccola pesca si conferma, secondo fonti scientifiche, come il metodo a minor impatto sull’ambiente marino-costiero e allo stesso tempo una garanzia per il consumatore che predilige l’acquisto di prodotti ittici locali.

Secondo il programma nazionale triennale della pesca e dell’acquacoltura 2022-2024 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, “la piccola pesca sbarca quasi 23 mila tonnellate di pescato (18% del totale nazionale), per un valore di 166,20 milioni di euro (26% del totale nazionale)”. A livello globale, secondo l’ultimo rapporto della FAO, la piccola pesca fornisce sostentamento a quasi mezzo miliardo di persone in tutto il mondo, il 95% delle quali nel Sud del Pianeta.

In questo contesto, “i processi di redazione di piani di gestione sulle attività della pesca costiera artigianale nelle Aree Marine Protette rappresentano – afferma Silvio Greco, direttore della Stazione Zoologica Anton Dohrn della Calabria – una prospettiva di sviluppo per l’economia delle comunità locali e per una migliore gestione delle risorse marine.

La tutela del Mare e del suo fragile ecosistema, il rilancio delle attività turistico – balneari e della pesca costiera non sono valori antitetici – dichiara Alessandro Botti, Presidente di Ambiente Mare Italia -. La collaborazione tra la nostra Associazione e l’AMP Capo Rizzuto nasce proprio con queste consapevolezze e dalla condivisa forte volontà di un rilancio dell’Area Marina Protetta e di tutte le attività ad esse connesse”.

La conservazione degli ecosistemi marini e la gestione delle loro risorse si basa, in prima istanza, sulla raccolta di dati robusti che possano supportare scelte gestionali sostenibili – afferma Claudia Scianna, ricercatrice della Stazione Zoologica Anton Dohrn e responsabile scientifico del progetto dell’AMP -. Tale raccolta di dati è il frutto di una consapevole e proficua collaborazione tra i ricercatori e gli operatori del settore ittico che possiedono una profonda conoscenza del nostro mare di cui rappresentano le principali sentinelle”.

Share:


News Correlate

Sottoscritto Protocollo d’Intesa tra la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e Ambiente Mare Italia.

Sottoscritto Protocollo d’Intesa tra la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e Ambiente...

Importante protocollo di intesa tra Ambiente Mare Italia – Ami e Assoretipmi.

ROMA – Salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente, sostenibilità, risparmio energetico, riduzione della plastica monouso e...

X