In India le tartarughe nidificano tranquille in spiaggia, mentre i turisti restano bloccati a causa del COVID-19

In queste ultime settimane, a causa dell’emergenza COVID-19 che ha colpito il mondo intero ed in particolare il nostro paese, ci troviamo di fronte ad uno scenario drammatico mai vissuto prima. 

In attesa della quotidiana conferenza stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, trascorriamo le giornate in casa tra lavoro, famiglia, faccende domestiche, mentre un pensiero vola a tutte le persone che in questo momento vivono sulla loro pelle l’emergenza COVID-19. 

In questo nuovo contesto, un occhio è sempre vigile sulle notifiche del nostro cellulare; sempre in attesa di aggiornamenti che possano alleviare la situazione attuale. E in questo tam tam di cattive notizie, può farci piacere leggere una buona notizia come di cui vogliamo rendervi partecipi, pubblicata da Repubblica qualche giorno fa. 

Si legge che In India, in questi giorni, si assiste ad uno degli spettacoli naturali più attesi dell’anno. Migliaia di tartarughe Olive Ridley  sono tornate a nidificare sulla spiaggia Rushikulya Beach di Odisha.

Sembrerebbe che le tartarughe quest’anno possano nidificare indisturbate. Infatti, le restrizioni messe in atto dai governi a causa del COVID-19, hanno fermato i numerosi turisti che abitualmente affollano la spiaggia, abbassando così il rischio di mettere in pericolo la nascita delle tartarughe. Capitava di frequente che le uova delle tartarughe venissero involontariamente calpestate dalla gente che solitamente affolla questa spiaggia. E le autorità indiane hanno sempre cercato di contenere e ridurre i rischi di questo fenomeno, per permettere alle tartarughe di fare il  loro naturale percorso.

Questo non risolve di sicuro il dramma che tutti i paesi vivono in queste ore, tuttavia l’immagine di queste tartarughe che affollano la spiaggia di Rushikulya Beach di Odisha può rappresentare per tanti di noi uno svago, uno spiraglio di luce in queste lunghe giornate che trascorriamo in casa.  #andratuttobene perchè #iorestoacasa 

Ambiente Mare Italia lancia la campagna #italiasolidale, un grande paese, un grande popolo. Seguiteci!

Share:


News Correlate

MicroMar: scienziati, studenti e cittadini in prima linea nel contrasto all’inquinamento dei Mari.

Per meglio intervenire nella lotta all’inquinamento da plastica dei nostri Mari, dobbiamo prima...

I cambiamenti climatici. Come intervenire?

Secondo un sondaggio dedicato ai comportamenti dei cittadini in rapporto ai cambiamenti climatici,...