Giornata Mondiale degli Oceani

L’8 giugno di ogni anno si celebra laGiornata Mondiale degli Oceani” un’occasione per onorare gli Oceani e sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo del Mare e degli Oceani nella vita di tutti noi.

Secondo i dati pubblicati sul sito delle Nazioni Unite “più di 3 miliardi di persone dipendono dalla biodiversità marina e costiera per il loro sostentamento e a livello globale, si stima che il valore di mercato delle risorse e delle industrie marine e costiere è di 3 mila miliardi di dollari annui, ovvero circa il 5% del PIL globale”.

Gli Oceani giocano un ruolo fondamentale nella normalizzazione del clima. Dati scientifici confermano, infatti, che gli oceani assorbono circa il 30% dell’anidride carbonica prodotta dagli umani, mitigando così l’impatto del riscaldamento globale sulla Terra.

Il Mare – dichiara il Presidente di Ambiente Mare Italia – AMI, Alessandro Botti – è uno dei nostri più grandi alleati nella lotta ai cambiamenti climatici. Il Mare garantisce il 50 per cento del nostro ossigeno. Ogni due respiri, uno lo dobbiamo al Mare e al suo prezioso ecosistema”.

Ma gli oceani con le loro immense distese di acqua non sono inesauribili e sono indispensabili per garantire la vita del nostro Pianeta. Gli scienziati dimostrano che oggi la biodiversità marina è gravemente minacciata dall’impatto antropico.

Lo stesso Mar Mediterraneo è un bacino di biodiversità e l’Italia ha quasi 8mila chilometri di coste, 27 Aree Marine Protette (AMP) e 2 parchi sommersi che proteggono solo circa 228mila ettari di mare e 700 chilometri di coste.

Preservare la biodiversità marina – commenta Botti – non è solo una necessità, ma è una priorità. E aggiunge –  non c’è una sola soluzione possibile, gli interventi da portare avanti sono tanti e insieme possiamo fare la differenza”.

PROPOSTE SALVA MAREAmbiente Mare Italia – AMI promuove azioni urgenti:

– Prevenire e ridurre in modo significativo ogni forma di inquinamento marino, in particolare attraverso la drastica riduzione dell’uso degli imballaggi e una maggiore severità nei confronti delle aziende che inquinano.

– Introdurre un reale e concreto sistema di premialità in favore delle aziende eco-compatibili e l’implementazione dei fondi a disposizione delle aziende e PMI che intendono convertire o rendere più eco-compatibile la propria produzione.

– Ridurre la plastica monouso e introdurre una disciplina legislativa su una quota minima di vendite di prodotti sfusi e il vuoto a rendere per le bottiglie in PET.

–  Proteggere e conservare le Aree Marine Protette (AMP) esistenti e crearne di nuove.

Sostenere e agevolare il passaggio verso una pesca e acquacoltura sempre più sostenibili.

“Abbiamo bisogno – conclude Botti – di trasformare l’Obiettivo 14 dell’Agenda 2030 in azioni concrete. Solo attraverso un’alleanza tra cittadini, istituzioni e mondo produttivo, tra organismi locali e sovranazionali possiamo raggiungere questi traguardi. Non possiamo più aspettare”.

Share:


News Correlate

Plastica negli oceani: entro il 2040 potrebbe triplicare. Complici le nuove abitudini ai tempi del Covid-19.

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Science, la plastica negli oceani entro...

Microplastiche, uno studio conferma la loro presenza nella catena alimentare degli uccelli.

Qualche anno fa, aveva fatto parlare di se il toccante documentario del noto...