Carnevale: si al divertimento e No alla Plastica

Abbiamo già  parlato dei coriandoli e del fatto che, nonostante siano ancora molto utilizzati durante i festeggiamenti, non si biodegradano nell’ambiente poiché composti da piccole parti di plastica. E quest’anno arriva anche i primi no al loro utilizzo da parte di alcuni comuni. Tra questi citiamo il comune di Venezia, storica città italiana in cui il carnevale come noto è molto sentito. 

Apprendiamo dagli organi di stampa che il 3 febbraio è stata firmata dal Sindaco di Venezia un’ordinanza che vieterà durante il periodo di carnevale l’utilizzo dei coriandoli e stelle filanti in plastica

Una saggia decisione saggia al fine di salvaguardare i canali e quindi il mare dall’inquinamento. Apprendiamo dal sito si Olga che anche altri comuni hanno promosso un carnevale ecosostenibile, tra questi: Capo d’Orlando (Me), Putignano (Ba), Viareggio (Lu).

Ma per non rinunciare al divertimento dei bambini, di seguito qualche suggerimento per un carnevale plastic free:

  1. Coriandoli: recuperate tutta la carta possibile e poi tagliate la carta a strisce di circa due centimetri. Sovrapporre  le strisce realizzate fino ad ottenere uno spessore non eccessivo. Infine procuratevi una bucatrice per quaderni ad anelli. Realizzerete così tanti coriandoli. E se non avete a disposizione una bucatrice, potete ripiegare le strisce a fisarmonica e poi tagliare a zig-zag con una banale forbice.
  2. Festa di Carnevale: ridurre l’uso di posate, piatti e bicchieri monouso prediligendo le soluzioni lavabili. Sul mercato è possibile trovare tante soluzioni di posate, piatti e bicchieri biodegradabili monouso. Bevande: procurate 3/4 caraffe da riempire con acqua e succhi di frutta. Pesano un po’, ma il pianeta vi ringrazierà.
  3. Cibo: come ad ogni festa che si rispetti non possono mancare prelibatezze da mangiare. Il nostro consiglio è quello di preparare il più possibile una merenda fatta in casa per evitare il trasporto di cibi e bevande in imballaggi inutili, facendo sempre attenzione ad utilizzare anche per il trasporto materiali biodegradabili o lavabili. E non dimenticate le buste biodegradabili.

Se avete bisogno di altri suggerimenti, scriveteci o contattateci: noplastic@ambientemareitalia.org Tel +39 063213805.

C’è un’Italia che ha capito, facciamola crescere insieme. Scopri come fare per sostenerci, adottando una nostra idea.

Share:


News Correlate

Il tema della plastica al centro di ECOMONDO, la più grande fiera ecosostenibile di Europa.

Uno dei temi centrali della più importante fiera  di Europa dedicata all’ambiente è...

GESESA aderisce a LiberAmi dalla plastica.

L’inquinamento di materiali plastici e microplastici rappresenta il maggior pericolo di inquinamento per...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *