Carnevale: si al divertimento e No alla Plastica

Abbiamo già  parlato dei coriandoli e del fatto che, nonostante siano ancora molto utilizzati durante i festeggiamenti, non si biodegradano nell’ambiente poiché composti da piccole parti di plastica. E quest’anno arriva anche i primi no al loro utilizzo da parte di alcuni comuni. Tra questi citiamo il comune di Venezia, storica città italiana in cui il carnevale come noto è molto sentito. 

Apprendiamo dagli organi di stampa che il 3 febbraio è stata firmata dal Sindaco di Venezia un’ordinanza che vieterà durante il periodo di carnevale l’utilizzo dei coriandoli e stelle filanti in plastica

Una saggia decisione saggia al fine di salvaguardare i canali e quindi il mare dall’inquinamento. Apprendiamo dal sito si Olga che anche altri comuni hanno promosso un carnevale ecosostenibile, tra questi: Capo d’Orlando (Me), Putignano (Ba), Viareggio (Lu).

Ma per non rinunciare al divertimento dei bambini, di seguito qualche suggerimento per un carnevale plastic free:

  1. Coriandoli: recuperate tutta la carta possibile e poi tagliate la carta a strisce di circa due centimetri. Sovrapporre  le strisce realizzate fino ad ottenere uno spessore non eccessivo. Infine procuratevi una bucatrice per quaderni ad anelli. Realizzerete così tanti coriandoli. E se non avete a disposizione una bucatrice, potete ripiegare le strisce a fisarmonica e poi tagliare a zig-zag con una banale forbice.
  2. Festa di Carnevale: ridurre l’uso di posate, piatti e bicchieri monouso prediligendo le soluzioni lavabili. Sul mercato è possibile trovare tante soluzioni di posate, piatti e bicchieri biodegradabili monouso. Bevande: procurate 3/4 caraffe da riempire con acqua e succhi di frutta. Pesano un po’, ma il pianeta vi ringrazierà.
  3. Cibo: come ad ogni festa che si rispetti non possono mancare prelibatezze da mangiare. Il nostro consiglio è quello di preparare il più possibile una merenda fatta in casa per evitare il trasporto di cibi e bevande in imballaggi inutili, facendo sempre attenzione ad utilizzare anche per il trasporto materiali biodegradabili o lavabili. E non dimenticate le buste biodegradabili.

Se avete bisogno di altri suggerimenti, scriveteci o contattateci: noplastic@ambientemareitalia.org Tel +39 063213805.

C’è un’Italia che ha capito, facciamola crescere insieme. Scopri come fare per sostenerci, adottando una nostra idea.

Share:


News Correlate

STRETTO DI MESSINA: NON SOLO PLASTICA SUI FONDALI, ANCHE HABITAT MARINI DA PROTEGGERE.

Oggi ritorniamo a navigare tra i fondali dello stretto di Messina e lo...

Plastica in mare: sul tavolo dell’ONU un nuovo accordo internazionale. Ma Stati Uniti e Regno Unito si oppongono.

“Se le tendenze attuali proseguono, la quantità di plastica nei mari triplicherà entro...