Anche le grandi catene alberghiere si impegnano per ridurre la plastica monouso

Abbiamo appreso dall’ANSA che Accor, uno dei più grandi gruppi alberghieri francese  ha dichiarato il suo impegno nella riduzione della plastica monouso, entrando a far parte di una iniziativa mondiale di riduzione della plastica guidata dal Programma Ambiente delle Nazioni Unite e dall’Organizzazione Mondiale del Turismo. 

Dunque Accor, che ha già eliminato all’interno della sua catena di alberghi cannucce monouso di plastica, bastoncini per il caffè e cotton fioc, “intende abolire la plastica monouso all’interno di camere, aree meeting, ristoranti e aree dedicate alle attività ricreative (spa, centri fitness) entro la fine del 2022”. 

“Apprendiamo con grande entusiasmo questa notizia”, commenta Alessandro Botti, Presidente di Ambiente Mare Italia, “e ci auguriamo che sia di esempio per tante catene di albergatori e di villaggi turistici”.  

La riduzione della plastica è una grande sfida per tutti i settori produttivi e in particolare per il settore turistico. 

Ambiente Mare Italia ha come obiettivo quello di geolocalizzare all’interno della sua mappa tutte le realtà turistiche che hanno scelto di ridurre progressivamente l’uso della plastica e non solo.

Se lavori per un’azienda turistica o gestiti una catena di alberghi, B&B, case vacanze e vuoi scoprire cosa possiamo fare insieme per liberare il mare dalla plastica, contattaci e scrivici noplastic@ambientemareitalia.org

Insieme Liberemo il mondo dalla plastica.

Photo by Brian Yurasits on Unsplash

Share:


News Correlate

La plastica: una grave minaccia per il clima e per l’ambiente.

La plastica, un motivo di preoccupazione per l’inquinamento ambientale e per il clima.

L’inquinamento da plastica non risparmia il Vatnajokull, il Re dei ghiacciai.

L’inquinamento da plastica non risparmia nessun angolo della Terra, infatti tracce di microplastiche...