Le spiagge della Puglia restano “Plastic Free”. Consiglio di Stato boccia decisione del Tar.

Il Consiglio di Stato, riformando la decisione cautelare del Tar di Bari del 31 luglio scorso, ha respinto l’istanza di sospensione dell’ordinanza “plastic free” adottata ad aprile dalla Regione Puglia, presentata da diverse associazioni e imprese produttive di plastica.

Abbiamo vinto una battaglia di civiltà a tutela dell’ambiente per il futuro della nostra terra e dei nostri figli – ha commentato il Governatore della Puglia Michele Emiliano – in questo modo tutti noi, amministratori, gestori dei lidi, cittadini, abbiamo la possibilità di tutelare e proteggere le bellezze dei mari pugliesi”.

La decisione collegiale della Quarta Sezione del Consiglio di Stato, confermando il decreto monocratico cautelare n. 4032 emesso il 7 agosto scorso, ha accolto l’appello della Regione Puglia, ripristinando il divieto di utilizzo della plastica lungo il litorale. La Regione Puglia è stata una delle prime in Italia a recepire la direttiva europea che prevede lo stop alla plastica monouso a partire dal 2021, ma secondo il Tar di Bari tale direttiva non poteva ancora essere applicata proprio perché non ancora recepita a livello nazionale. 

La richiesta di rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea e altre questioni giuridiche saranno valutate nell’udienza di merito fissata davanti al Tar di Bari il 19 febbraio 2020. Nel frattempo continua la battaglia per la tutela dell’ambiente e dei mari dalla plastica monouso!

Liberare il mare dalla plastica è un sogno realizzabile con l’aiuto di tutti. Unisciti a noi!

Scrivi una mail a noplastic@ambientemareitalia.org o telefona allo 06.3213805.

Share:


News Correlate

Economia Circolare: dai boschi del Cilento arriva la bio-mattonella a impatto zero e plastic free.

Oggi vi portiamo in Cilento nella Regione Campania per parlare di economia circolare...

Nei supermercati green, niente più plastica sulle vaschette di frutta e verdura.

Nonostante siano tante le catene di supermercati che continuano a vendere confezioni di...