In Australia, la plastica mette a rischio la vita degli ornitorinchi.

Forse poco noto dalle nostre parti, l’ornitorinco, un piccolo mammifero semi-acquatico endemico della parte orientale dell’Australia, è uno degli animali più buffi del nostro Pianeta per le sue caratteristiche diverse da ogni altra specie di mammiferi.

L’ornitorinco si differenzia dai mammiferi più comuni perché depone le uova, ovvero si tratta di mammiferi ovipari. Anche il suo aspetto è molto particolare e il suo becco ricorda un uccello, infatti il nome ornitorinco deriva dal greco e significa “muso d’uccello”.

Fortunatamente, questi animali non sono ancora in pericolo di estinzione, ma secondo gli studiosi sarebbe importante non abbassare la guardia e proteggerli prima che sia troppo tardi. E l’inquinamento da plastica sta mettendo sempre più a rischio la loro salute.

Uno studio dell’Australian platypus conservancy pubblicato su Australian mammalogy ha riportato di aver recuperato 54 esemplari di ornitorinchi rimasti impigliati tra alcune tipologie di rifiuti, quali: elastici per capelli, lenze, una guarnizione del motore, un anello di plastica proveniente da un barattolo alimentare e anche un braccialetto di identificazione ospedaliera. Purtroppo, molti di questi animali hanno riportato ferite importanti e alcuni di loro non sono sopravvissuti. I ricercatori che hanno seguito lo studio spiegano che “fino all’1,5 per cento degli ornitorinchi che risiedono nella grande area di Melbourne, e lo 0,5 per cento di quelli che vivono nelle zone più periferiche del Victoria, sono a rischio di lesioni o morte in qualsiasi momento, anche a causa dell’inquinamento da plastica”.

Ogni anno milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare. La plastica, sotto forma di microplastiche, distrugge gli habitat marini mettendo a rischio tante specie.

LiberAMI dalla plastica” è il progetto ideato da Ambiente Mare Italia – AMI per proteggere il mare dall’inquinamento da plastica e per tutelare le specie marine. Aiutaci anche tu. Scrivi a noplastic@ambientemareitalia.org

Share:


News Correlate

I pescatori, nuovi eroi del mare.

“Accogliamo con grande entusiasmo il nuovo testo di legge che sarà discusso giovedì...

STRETTO DI MESSINA: NON SOLO PLASTICA SUI FONDALI, ANCHE HABITAT MARINI DA PROTEGGERE.

Oggi ritorniamo a navigare tra i fondali dello stretto di Messina e lo...