Consigli utili per vivere una giornata “plastic free”.

La plastica è ormai presente ovunque: respiriamo, beviamo e mangiamo plastica, con impatti pesantissimi sulla salute di tutti gli esseri viventi e sul funzionamento degli ecosistemi. Se ci guardiamo intorno noteremo che molti oggetti di uso quotidiano sono fatti di plastica; la gran parte di questi oggetti, che utilizziamo per pochi secondi e poi gettiamo via, impiegherà centinaia o anche migliaia di anni per decomporsi nell’ambiente.

Una cattiva abitudine da evitare assolutamente è quella di utilizzare il wc come discarica, buttandovi dentro piccoli oggetti usa e getta come ad esempio cotton fioc (che costituiscono il 7,8 % della spazzatura nei mari) o lenti a contatto, che finiscono per arenarsi direttamente sulla spiaggia e in mare.

Per l’igiene personale è consigliabile utilizzare prodotti sfusi, uno spazzolino da denti con testina intercambiabile o biodegradabile in bambù e cosmetici o detergenti privi di microplastiche. Anche per la pulizia della casa è possibile utilizzare prodotti naturali o alla spina, guanti riutilizzabili e mollette di legno per stendere i panni.

Durante i pasti è preferibile consumare prodotti privi di imballi e confezioni in plastica, privilegiando prodotti freschi come cibo sfuso e bevande alla spina, o conservati in contenitori di carta o vetro. Nel caso si consumi caffè espresso, utilizzare cialde biodegradabili.

Anche per quanto riguarda l’abbigliamento è preferibile scegliere tessuti realizzati con fibre naturali, poiché dopo ogni lavaggio si possono disperdere in mare fino a 700 mila microfibre sintetiche.

Infine è assolutamente vietato utilizzare prodotti in plastica monouso come cannucce, bicchieri, piatti, posate e cotton fioc (quest’ultimi pur vietati dal 1° gennaio scorso). Secondo le stime più affidabili, nel 2050 avremo prodotto più di 25.000 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, di cui la maggior parte di provenienza domestica.

Segnalateci altri utili consigli “plastic free” scrivendo a noplastic@ambientemareitalia.org o telefonando allo 06.3213805.


Share:


News Correlate

Il Po d’AMARE. Un progetto di raccolta e recupero della plastica.

Si è conclusa da poco la sperimentazione di uno dei più innovativi sistemi...

Una Toscana libera dalla plastica

I buoni propositi per diminuire la plastica in mare sono arrivati l’estate scorsa...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *