Anche le piante possono assorbire microplastiche.

Le nanoplastiche, piccoli frammenti di plastica, possono accumularsi anche nelle piante. A dimostrarlo  è un recente studio “Differentially charged nanoplastics demonstrate distinct accumulation in Arabidopsis thaliana“, pubblicato su Nature Nanotechnology da un team di ricercatori cinesi dell’università di Shandong e dell’università del Massachusetts – Amherst. 

La ricerca, grazie a delle prove dirette su vegetali, evidenzia il fenomeno con effetti ecologici diretti e implicazioni per la sostenibilità agricola e la sicurezza alimentare. Oggetto dello studio è una pianta appartenente alla specie Arabidopsis thaliana, che per l’indagine è stata piantata  su un terreno ricco di particelle di microscopiche plastiche, non visibili ad occhio nudo.

 Le piante in oggetto, prima di essere immesse all’interno del terreno, sono state caricate positivamente o negativamente per essere successivamente marcate con un particolare marcatore fluorescente così da essere “viste” più facilmente. 

Il risultato emerso è che “le piante coltivate sul terreno contaminato dalla plastica risultavano più piccole in altezza rispetto a quelle messo a coltura su un terreno non contaminato, ed anche la loro biomassa era inferiore, con radici meno sviluppate, rispetto alle loro compagne cresciute su terreni consoni”.

Gli scienziati spiegano che “sia le nanoplastiche caricate positivamente che negativamente si accumulano nell’ Arabidopsis thaliana”.

 Dunque la ricerca afferma che l’uso persistente della plastica, provocherebbe una grande quantità di questi rifiuti nell’ambiente e grezzi a nuovi approcci molecolari e genetici, gli esperimenti hanno dimostrato che le piante possono assorbire micro particelle di plastica. 

Dunque, la plastica può danneggiare non solo l’ecosistema marino ma anche ambienti terresti, in particolare i terreni agricoli. 

Ovviamente questa ricerca è solo un primo passo nello studio della contaminazione da plastica negli organismi vegetali. Nuovi studi saranno necessari e indispensabili per capire meglio come le piante interagiscono con le particelle di plastica presenti nell’ambiente.

Un mondo libero dalla plastica è un sogno possibile. Aiutaci a realizzarlo con il tuo 5×1000. A te non costa nulla, per noi è un modo in più per far crescere i nostri progetti e salvare l’ambiente dalla plastica.  Il nostro Codice Fiscale è 97981470582.

Share:


News Correlate

ERREBIAN CONFERMA IL SUO IMPEGNO PER LA TUTELA DELL’AMBIENTE

Ancora insieme per la natura e per il mare. Anche quest’anno ERREBIAN, storica...

“Usciamo dall’era geologica del Plasticocene”. La battaglia del Ministro Costa contro la plastica monouso.

“Sono certo che la battaglia per le plastiche monouso sia la battaglia di...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *