Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il “Piano del mare”.

Lunedì 23 ottobre 2023 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il “Piano del Mare”, elaborato e approvato con cadenza triennale dal Comitato interministeriale per le politiche del mare – Cipom.

Il Piano del Mare per il triennio 2023-2025 contiene gli indirizzi strategici in tema di:

  • tutela e valorizzazione della risorsa mare dal punto di vista ecologico, ambientale, logistico, economico;
  • valorizzazione economica del mare con particolare riferimento all’archeologia subacquea, al turismo, alle iniziative a favore della pesca e dell’acquacoltura e dello sfruttamento delle risorse energetiche;
  • valorizzazione delle vie del mare e sviluppo del sistema portuale;
  • promozione e coordinamento delle politiche volte al miglioramento della continuità territoriale da e per le isole, al superamento degli svantaggi derivanti dalla condizione insulare e alla valorizzazione delle economie delle isole minori;
  • promozione del sistema-mare nazionale a livello internazionale, in coerenza con le linee di indirizzo strategico in materia di promozione e internazionalizzazione delle imprese italiane;
  • valorizzazione del demanio marittimo, con particolare riferimento alle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative.

Il Piano del Mare è uno strumento che permette all’Italia di ritrovare nel “sistema mare” la sua naturale risorsa e dimensione di crescita, stimolando da un lato il progresso delle imprese e delle competenze marittime nazionali e dall’altro garantendo un uso libero, sicuro e sostenibile del mare.

La marittimità accomuna numerosi “Utenti del Mare” pubblici e privati, che devono operare assieme in sinergia e sicurezza, sia nel contesto interno sia in quello internazionale, tutelando la ricca biodiversità marina e agendo al contempo a beneficio dell’Italia e della Comunità internazionale, passando anche da una “crescita blu” ad una economia del mare sostenibile.

Share:


News Correlate

Mar Tirreno: isole di spazzatura sui fondali.

Che il Mar Mediterraneo fosse inquinato a causa delle presenza di plastica non...

X