Il 2020 è stato l’anno più caldo in Europa. Lo rileva Copernicus.

Per l’Europa il 2020 è stato l’anno più caldo sinora mai registrato nel nostro continente. Lo rileva Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’Unione europea, dedicato a monitorare il nostro pianeta.

Si legge su molte testate giornalistiche che il Copernicus Climate Change Service (C3S) segnala anche che a livello globale il 2020 sarebbe il sesto anno di una serie di anni eccezionalmente caldi iniziati nel 2015, con la decade 2011-2020 che è la più calda mai registrata. 

Questi dati ci fanno riflettere sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici sulla terra. Si tratta di un’emergenza globale che coinvolge tutti i paesi del mondo. 

L’uomo esercita, purtroppo, una forte influenza sul clima e sulla temperatura terrestre con diverse attività, quali: la combustione di combustibili fossili, la deforestazione e l’allevamento di bestiame.

L’attività dell’uomo aumenta in particolare la concentrazione di alcuni gas serra sull’atmosfera come l’anidride carbonica (CO2), responsabile del 63% del riscaldamento globale causato  proprio dalle attività umane.

Tra le altre cause dell’aumento delle emissioni vi è: il processo di combustione del carbone, la deforestazione e l’abbattimento di alberi. Se gli alberi non fossero abbattuti aiuterebbero a regolare il clima assorbendo CO2 dall’atmosfera. 

Le conseguenze  per il Pianeta sono devastanti con costi elevati per la società e l’economia. Negli ultimi anni abbiamo osservato calotte polari sciogliersi, livelli dei mari crescere, aumento di precipitazioni e ondate di siccità e calore senza precedenti. Purtroppo questi fenomeni, senza una politica seria per il Clima, potrebbero intensificarsi ancora di più. 

Tutti noi possiamo attivarci con delle semplici regole di vita quotidiana. Tra queste possiamo sicuramente: ridurre gli sprechi energetici, ridurre il trasporto in auto e riciclare. E se volete fare ancora di più, potete sostenere AMI-Ambiente Mare Italia. Solo insieme possiamo fare la differenza. Scopri di più sui nostri progetti.

Share:


News Correlate

Le buone pratiche per ridurre l’uso della plastica fanno bene a tutti.

Secondo quanto si apprende dagli organi di stampa, le buone pratiche in tema...

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Add Comment *

Name *

Email *

Website *